La radio è un mezzo storico ma sempre attuale e in costante evoluzione. Ecco alcune ragioni per cui sceglierlo come strumento di promozione.

Diffusione

Oltre l’83% della popolazione italiana ha ascoltato almeno una volta la radio nell’ultima settimana. Tutti ascoltano la radio, è un mezzo che ti segue ovunque e può vendere ovunque (in macchina, al lavoro o sul web).

Targeting

La radio permette di lavorare su target selezionando le emittenti e i programmi più adatti. Inoltre permette di mirare a specifiche aree geografiche di interesse, grazie all’utilizzo di emittenti locali.

Immediatezza

La radio può raggiungere l’ascoltatore nel momento in cui è vicino all’acquisto, ad esempio quando è in macchina e sta andando a fare shopping oppure quando è on-line e quindi “a portata di clic” per un sito di e-commerce.

Fidelizzazione

Per la maggior parte del tempo gli ascoltatori sono sintonizzati sulle loro stazioni preferite e diversi studi dimostrano che l’ascoltatore, proprio perché fidelizzato, tende a non cambiare frequenza durante il break pubblicitario.

Coinvolgimento

Fare pubblicità in radio vuol dire avere la possibilità di fare leva sull’immaginazione dell’ascoltatore e sfruttare quel legame emotivo che solo questo mezzo riesce a creare. La radio vive nel “teatro della mente”.

Costo

La radio è meno costosa di molti altri media, sia per quanto riguarda la produzione dello spot che l’acquisto degli spazi pubblicitari. Questo permette di raggiungere molte persone e di farlo con la giusta frequenza.

Come funziona, quanto costa e altre risposte sulla pubblicità in radio.

Vuoi creare la tua campagna radiofonica?